Come e perché è fondamentale prendersi cura dei propri sentieri per mountain bike

Dal sito: www.redbull.com
Come e perché è fondamentale prendersi cura dei propri sentieri per mountain bike
Salire sulla propria amata MTB, girare sui trail più divertenti vicino casa senza porsi problemi di tempo e insieme agli amici di sempre: questa è la giornata perfetta per ogni biker che si rispetti. Ma spesso e volentieri godersi quanto di bello offre la mountain bike non basta, perché uno dei suoi pilastri è la partecipazione e la condivisione. Le opportunità non mancano, dal dare una mano per organizzare un evento al promuovere l’attività di un’associazione locale, passando per il partecipare a una giornata di trail building:la costruzione e manutenzione dei sentieri.
Grazie al supporto di Edoardo Melchiori, vice presidente di IMBA Italia, scopriamo quali sono i cinqui buoni motivi per cui prendersi cura dei propri sentieri.

1. Cosa è il Trail Building

Il trail building è l’arte di progettare e costruire e mantenere i sentieri: molti pensano a salti e sponde paraboliche ma c’è molto altro, l’obiettivo principale è imparare a gestire l’acqua e l’erosione.

2. Perché il trail building è cosa buona e giusta

In passato i sentieri nascevano per la necessità di collegare due punti, spesso nella minore distanza possibile. I sentieri di oggi hanno spesso perso questa funzione e sono diventati una infrastruttura il cui scopo principale è il divertimento (e la sicurezza) dei fruitori che li percorrono. Non a caso quando si chiede a Gary Fisher quale sia l’innovazione più importante dell’ultimo decennio nella MTB, lui risponde i sentieri.

3. Perché un’associazione locale dovrebbe prendersi cura dei propri sentieri

La risposta più ovvia è per potersi divertire di più. Una motivazione più altruistica può essere quella di ripagare con un po’ del nostro tempo la natura e la comunità in cambio del divertimento che i sentieri e la vita nella natura ci danno. La MTB è uno sport in forte espansione e se vogliamo continuare a praticarlo dobbiamo imparare tutti a rispettare e prenderci cura dei sentieri e della natura perché, non dimentichiamocelo, senza sentieri non c’è mountain bike.

4. Quali sono le ripercussioni principali su sentieri, ambiente e comunità

Perché non ci sono le fatine dei sentieri!
Perché non ci sono le fatine dei sentieri!
Nell’immediato disporre di una rete sentieristica progettata nel modo corretto, con sentieri sostenibili che IMBA insegna nei suoi cors, garantisce minore erosione e un maggiore divertimento per i fruitori dei sentieri stessi. Sul lungo termine avere sentieri sicuri e divertenti porta più persone a praticare sport nella natura (non solo MTB ma anche trail running ed escursionismo), alimentando una popolazione più in forma, più sana, più attenta all’ambiente e alla sua conservazione.

5. Il modo migliore per avventurarsi in questa attività

I 4 pilastri di IMBA
I 4 pilastri di IMBA
Pensate sempre su lungo termine, studiate e ottenete sempre i permessi prima di affondare la zappa nella terra. I quattro pilastri IMBA sono: dialoga, costruisci, rispetta e pedala. Il dialogo (e i permessi) devono essere il punto di partenza di ogni progetto. Un’ottima esecuzione di un progetto scadente porterà sempre a risultati scadenti, non buttate via tempo e soldi in una cattiva progettazione.
Please follow and like us: